L'anno della lepre

January 15, 2016

 

"Sull'automobile viaggiavano due uomini depressi. [...] Lungo la strada sterrata il paesaggio finlandese scorreva sotto il loro sguardo stanco, ma nessuno dei due prestava la minima attenzione alla bellezza della sera"

 

Per accompagnare una storia avventurosa come quella di Vatanen ci vuole un tè che racchiuda sapori diversi come quelli di un viaggio lungo come il suo.

 

Lo scorso 8 novembre ho partecipato al Pisa Book Festival, fiera dell'editoria indipendente che si tiene ogni anno presso il Palazzo dei Congressi di Pisa. Si tratta di tre giorni ben organizzati, con la partecipazione di tantissimi autori e case editrici indipendenti, molti eventi, corsi e tavole rotonde. Purtroppo, ci sono stata un solo giorno e non ho potuto nemmeno partecipare a tutte le presentazioni e a tutti gli eventi della giornata perché molti si svolgevano alla stessa ora. Ho assistito per caso a Giulio Scarpati legge Paasilinna nella sala Pacinotti  e sono stata affascinata sia dalla storia avventurosa di Vatanen che dalla lettura di Giulio Scarpati. Scoperta l'esistenza dell'audiolibro ho quindi deciso di provare, anche se ero molto scettica al riguardo. Anzi, per l'esattezza mi sono soffermata anche troppo allo stand di emons audiolibri, dato che sono andata via con due audiolibri, questo e L'amica geniale, e non ne ho portato via un altro solo perché mi è stato abilmente impedito dalla mia dolce metà, senza troppa dolcezza in realtà :), ma questa è un'altra storia.

Come dicevo, ero titubante, ma dato che ho sempre poco tempo per dedicarmi alla lettura ho deciso di provare e ne sono rimasta piacevolmente colpita. Mi è sembrato di tornare un po' a quando ero piccola e papà mi leggeva le favole prima di andare a letto. Ho ascoltato l'audiolibro per lo più in macchina e anche se mi mancava un po' la possibilità di rileggere una frase o scrivere subito una citazione del libro, credo che sia un buon compromesso quando si ha poco tempo e molta voglia di leggere.

 

Il libro narra la storia di Vatanen, un giornalista di Helsinki, che un giorno, durante un tragitto in macchina con un collega investe una lepre e per soccorrerla si ferma con lei nella foresta.

Dopo vari tentativi di farlo tornare, il collega va via con la macchina e lascia Vatanen con la sua lepre. Quando realizza di essersi distaccato dalla sua vita normale che ormai lo tormentava (la moglie, il lavoro, che ha perso per lui il fascino iniziale, ecc.), il sapore di questa libertà gli piace e finisce per trascinare se stesso e l'inseparabile lepre in giro per la Finlandia (e non solo), dedicandosi a vari lavori e tuffandosi in avventure diverse ogni giorno. Il suo girovagare sempre in compagnia della lepre lo porterà a ripescare resti bellici tedeschi della seconda guerra mondiale, ad affrontare un orso e addirittura a fidanzarsi con una sconosciuta, il tutto allontanandosi sempre più dal mondo stressato e opprimente degli uomini e avvicinandosi sempre di più alla natura e al mondo animale, tanto da comportarsi in modo animalesco, per esempio quando decide di uccidere in modo brutale il corvo che gli ruba ripetutamente le provviste, traendone, insieme alla lepre, una gran soddisfazione e agendo proprio come un animale che difende il proprio territorio.

 

L'anno della lepre ha il sapore di una fiaba. All'inizio, la fuga di Vatanen sulla scia della lepre assomiglia un po' allo smarrimento di Alice nel Paese delle Meraviglie al seguito del coniglio bianco. La sua fuga, però, non è uno smarrimento, quanto piuttosto un ritrovamento di se stesso. L'avvicinamento alla natura porta il giornalista depresso che ci viene presentato all'inizio alla consapevolezza di sé. La sua storia mostra quanto sia difficile uscire dagli schemi che la società impone e in un episodio Vatanen viene addirittura fermato dalla polizia perché ritenuto "strano".

 

Era la prima volta che leggevo un libro di Paasilinna, ma credo che non sarà l'ultimo. Il suo racconto è travolgente, le sue descrizioni dipingono le varie zone visitate da Vatanen in modo chiaro e definito, ma senza scendere in dettagli noiosi e dilungarsi troppo, ironico e mai tedioso.

Una lettura sicuramente consigliabile.

 

 

 

L'autore in breve - Arto Paasilinna

 

Arto Tapio Paasilinna è uno scrittore finlandese nato a Kittilä, in Lapponia, nel 1942. Ha un passato da guardaboschi, giornalista e poeta. Oltre a L'anno della lepre, il suo primo romanzo, Iperborea ha pubblicato altri quattordici romanzi suoi, ma questo è l'unico di cui sia uscito l'audiolibro Emons, almeno finora.

 

 

 

Titolo: L'anno della lepre

Autore: Arto Paasilinna

Traduttore: Ernesto Boella

Durata: 5 ore e 19 minuti

Edizione testo: 1994, Iperborea

Prima edizione: 1975

ISBN: 9788869860317

Dove acquistarlo:

Su Amazon 

Sull'e-commerce Emons

Oppure dal vostro libraio di fiducia!

Please reload

Recent Posts

April 5, 2017

January 15, 2016

Please reload

Categorie

Please reload

Search by Tags